“Tu visiti la terra e la disseti..”


LETTERA PASTORALE DI MONS. GIANCARLO M. BREGANTINI


PER LA VISITA DEL PAPA FRANCESCO AL MOLISE


MAGGIO 2014




Sorprendente è questo papa Francesco. Non occorre dimostralo. Tutti, ormai, con gioia ne abbiamo sperimentato la singolarità e la incisività. Parla con il cuore. Incide con i segni. E’ acutissimo nelle analisi delle sue Encicliche, sa dialogare con il mondo, abbraccia i lontani, sta accanto a chi soffre con dolcezza, in uno stile di misericordia ammirevole. Soprattutto sa annunciare con gioia Cristo Gesù, come unica speranza del mondo: “La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che incontrano Gesù. Coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal peccato, dalla tristezza, da vuoto interiore, dall’isolamento. Con Gesù Cristo, sempre nasce e rinasce la gioia!” (Evangelii Gaudium, 1).

Nel cuore mio di vescovo, lo seguo con stupore, lo studio per imitarlo, prego con fedeltà per lui e lo sento vicino come pastore. Ora poi, che ha scelto di venire in Molise, tutti noi lo sentiamo ancora più vicino. Questa mia Lettera Pastorale nasce proprio da qui. Da un forte bisogno di entrare nel cuore di questo evento, per fare in modo che la visita sia per tutti noi un’occasione di grazia straordinaria e ben vissuta, che vada però oltre le forme, oltre quei giorni, oltre il fatto, per sentire che in papa Francesco è Dio che ci visita, è il Signore che passa, è la sua grazia che cambia il nostro Molise e lo rende una terra realmente “verde”, cioè fiorita in un giardino di speranza, capace di progettare e gestire un futuro di maggiore socialità, di accresciuta cooperazione, pronto ad accompagnare i giovani verso un lavoro ed una dignità conseguente.

Leggi tutto l'articolo